Feb 12

A frittulata aru paisi…Viniti ….Viniti !!!

Luigi Bisignani

Tempi duri per il maiale……..!

Nelle campagne della nostra Calabria non c’è famiglia che non abbia un maiale che, accudito con cura durate tutto il periodo estivo ed autunnale, viene sacrificato alla fine di gennaio  durante un rituale che prevede la riunione di parenti ed amici per la“frittuliata”.

Per  questa occasione s’organizza ara Siddrata “A frittulata” tutta la cittadinanza é invitata.

12733612_1541904419470695_2570271366377231655_n

Quando l’elettricità non aveva ancora raggiunto tutti i casolari il rituale inerente alla morte “ du porcu” iniziava ancora prima dell’alba con la legna accesa “sutta ‘a caddara” per riscaldare l’acqua che serviva per depilare il maiale dopo averlo ammazzato.

Oggi il rituale della uccisione di un maiale prevede le comodità  dei nostri tempi, ma la” frittulata” ha ancora la valenza dell’amicizia, infatti sono gli amici più cari a sedere attorno alla tavola dove verranno serviti “ maccarruni cu ‘u sucu ‘i carni ‘i porcu “ e ” ‘i frittuli” insieme al buon vino rosso in genere prodotto dal padrone del maiale.

 

 

Le donne provvedono a preparare la  pasta che tagliata in bastoncini arrotolano attorno ad un ferro di calza mentre in un  pentolone bolle la passata di pomodoro insieme alla carne di maiale e gli uomini provvedono ad insaccare la carne del maiale tagliata a punta di coltello.Mammola_-_Frittole_nella_Cardara

.Quando “i frittuli” ossia la cotenna tagliata a pezzi, le coste, parti del collo,della guancia, lingua, muso,orecchie ed altri parte meno nobili del maiale, cotte nel grasso del maiale, sono pronte per essere gustate,

 

 

 

i “ maccarruni “ vengono cotti, quindi conditi con il sugo insaporito dalla carne di maiale , dal peperoncino rosso, da una abbondante manciata di ricotta salata e quindi tutti a tavola a mangiare “maccarruni e frittuli” .

 

DSC02047

Poi  gli uomini riprendono ad insaccare “‘a carni du porcu” e sono pronti “satizzi e soppressati” mentre i rimasugli di carne e sugna , cioè quanto rimane sul fondo del pentolone dove sono state messe a bollire  “i  frittuli”,  spento il fuoco, si solidifica e prende il nome di “curcuci” che, durante l’inverno, tagliato a pezzetti, servirà ad insaporire le uova fritte o le pizze rustiche.

 

 

Un tempo “ a frittulata” si concludeva con la “ strina” canto accompagnato dal suono della fisarmonica che era un ringraziamento canoro al padrone di casa ed augurio a rivedersi il  prossimo anno

197200_188340841203725_6695313_n

Permanent link to this article: http://www.sandonatodininea-cs.it/2016/02/12/a-frittuliata-aru-paisi-veniti-veniti/

Lascia un commento

Your email address will not be published.