A Siddrata

La Redazione & Pasquale Giannnino

A Siddrata (piazza pricipale di San Donato di Ninea )

Camminavo per le vie deserte. Riconobbi gli odori e i sapori, quella gioia indescrivibile che sentivo da bambino ma anche le paure, e quel senso di ingenua timidezza che a volte rimpiango. Mi attardai sulla terrazza alla frescura delle piante. Un rottame carico di legna si inerpicava, una vecchia si affacciò sbirciando incuriosita, incrociò per un attimo i miei occhi… si ritrasse nella dimora; un cane malandato brancolava in cerca del padrone. Sollevai lo sguardo verso la nuda roccia e vidi le case che parevano affastellate come pietre, mi sovvennero i giorni di festa, i fuochi d’artificio, la banda, le bancarelle, i cantanti… e quella felicità che non ho più provato.

Quannu passavu pp’a Siddrata,

quatrashcuolu i na dicina d’anni,

mi paria na chiazza tanta granni,

chi pinzavu i ghessi a Roma o a Milanu.

E quannu trasiu jint’o bar,

quanti genti attuornu aru biliardu

ed ari tavulini, cch’i carti ’mmanu!

U misi agustu c’eranu i cantanti

e binianu a luntanu tutti l’emigranti.

Era na festa granni, c’eranu tanti genti

e ghia mi priavu ari vidi tutti cuntenti.

E quanti giuvini a quir’arboretti,

chiacchiariavanu e ridianu ara faccia d’e parenti!

L’atra vota, passannu pp’a Siddrata,

m’è paruta tanta ninna,

chi pinzavu c’aviu sbagliatu strata.

U bar era chiusu, on c’era cchiù nuddru,

e, sutta l’arboretti, duj viecchiarieddri

pinzavanu all’anni chi si portanu ’ncuoddru.

È uno stabilimento enorme, grigio e polveroso. Nei piani alti ci sono i laboratori e gli uffici: i dirigenti, le loro segretarie, gli impiegati a poco più di mille euro al mese, quelli a progetto… Non esistono titoli, ci si chiama per nome e si adopera il tu. A pian terreno ci sono i reparti di produzione. O, meglio, ciò che resta della produzione… Quelle sale fino a pochi anni fa erano gremite. Oggi sono pressoché vuote. Le usano i nostri padroni per organizzare delle adunate a cui partecipiamo tutti, “democraticamente” – dai top manager agli operai (i pochi rimasti) – mentre loro si collegano in videoconferenza, e ci illustrano dai megaschermi le strategie di mercato. “Dobbiamo diventare i primi!” ci dicono. “E questo comporterà dei sacrifici…”

È forte l’odore della fabbrica:

giunge fino ai piani alti.

È la polvere quotidiana

che mangiano padri di famiglia

per sorridere ai loro bambini.

È il sudore acre di giovani

che hanno rinunciato a sognare,

rifugiandosi in qualche bicchiere

o nelle illusioni del sabato sera.

È la bile di tanta gente

soggiogata all’infame ricatto

di un calcio nel deretano.

È un odore che si mischia

al fumo di cervelli assoldati

per oscuri giochi di potere.

È forte l’odore della fabbrica:

è un lezzo di schiavitù. Continue reading

Posted in cultura locale, Dati locali | Leave a comment

Elezioni amministrative del 25 Maggio

La Redazione

Ormai restano 5 giorni alla presentazione delle liste;il 26 aprile a mezzanotte si chiudono le liste ed ufficialmente si saprà ufficialmente,il suspens durerà fino all’utimo secondo.

Per queste nuove elezioni aministrative al paese…

Dai tanti rumori di qualche mese fa ,che si accennava ad avere 4 5 liste mai viste al paese la nuova legge che obliga ad 11 persone su una lista,ne avremo certamente 2 al massimo.

Si discute in sordina prima dell’annuncio ufficiale, si promettono cose assurde,concessioni di ogni genere ,per arrivare a totalizzare la squadra completa ,che pretenderà di prendere in mano il paese e via verso il futuro migliore tanto speratoda tutti i paesani o via alla stessa serenata e ripetizione della stessa gestione dei tempi passati?

Aprite gli occhi amici paesani e tempo di uscire da questo torpore ancestrale ed aprire
veramente una nuova era per il nostro PAESE.

Chi sono ? chi sarà il nostro nuovo sindaco?

fra pochissimi giorni conosceremo i CANDIDATI,e fra un mesetto la nuova giunta comunale con il nostro nuovo SINDACO

Posted in Dati locali | 19 Comments

ELEZIONI del 25 MAGGIO 2014

La Redazione

AVVISSO IMPORTANTE INVIATO DAL Sr ALFONSO  OTTATO
*************************************************************

APPELLO URGENTISSIMO PER I CITTADINI DI SAN DONATO DI NINEA: Vista la spregiudicatezza e l’irresponsabilità di soggetti che ad ogni costo impongono la loro candidatura ai cittadini di San Donato, ignari di quello che succede poi dietro le quinte, mi sento l’obbligo morale di lanciare questo accorato appello per salvare il nostro paese…Si accettano adesioni di persone motivate alla causa Sandonatese per l’eventuale presentazione di una lista che possa far rispecchiare i grandi intellettuali che fino ad oggi sappiamo bene quali danni ci hanno provocato. So che i tempi sono veramente stretti perchè le liste si devono presentare entro il giorno 26 aprile 2014 ma sono anche fiducioso di farcela insieme a voi. Cari saluti a voi e le vostre famiglie Alfonso Ottato. Ringrazio anticipatamente il direttore del nostro giornale affinchè questo messaggio venga posto in maggiore evidenza di apertura. Eventuali comunicazioni per le adesioni si possono accogliere al seguente numero telefonico 338 3608606.

Alfonso Ottato

Posted in Dati locali | 5 Comments

La PASSIONE di GESU CRISTO…a San Donato di Ninea

Luigi Bisignani & Antonella Consoli

Grande Evento a San Donato di Ninea per le feste di Pasqua.

Secondo mio parere questo evento merita più ampio spazio in tutti media, per i costumi ,per la storia e per l’interpretazione di tutti gli attori ,che malgrado la loro prima esperienza teatrale ,hanno riuscito l’interpretazione come dei veri attori .

Un grande bravo all’ ideatrice Maria Santoro ed alla nostra ormai conosciutissima Antonella Consoli di aver saputo  convincere la Sra Santoro a far vivere anche a San Donato di Ninea  questa Opera”La Passione di Gesù”

Siamo molti onorati di poterlo fare sul nostro umile giornale ,300 abbonati e 1640 lettori in tutto il mondo con 90% di Sandonatesi sparsi nel mondo .

Con passione di Gesù si intendono la sofferenza e l’agonia di Gesù Cristo che hanno portato alla sua crocifissione. Insieme all’incarnazione e alla successiva risurrezione, forma uno dei due misteri centrali del Cristianesimo.

Gli avvenimenti della Passione vengono ancora oggi celebrati dai cristiani di tutto il mondo nella cosiddetta “Settimana Santa” (la settimana che precede la Pasqua).

Le “narrazioni della Passione”, in latino Passio, hanno origine dai Vangeli. L’uso sottende la radice etimologica, dal verbo latino patior, “soffrire”. In seguito il termine si è esteso per indicare il racconto del supplizio subito dai martiri.

 

 

L’idea di rappresentare la Passione di Cristo è nata 5 anni fa da un’idea e uno studio approfondito di Maria Santoro. La nostra collaborazione risale a circa 7 anni fa, mettendo in scena vari spettacoli teatrali. Per i primi 4 anni la Passione si è svolta al Casello di Altomonte con gente del luogo. Quest’anno ho proposto a Maria di portare questa nostra ormai consueta tradizione a San Donato, coinvolgendo tutti coloro che avrebbero voluto aderire all’iniziativa. Un’idea alla quale stavo pensando da qualche anno, per coinvolgere in qualche modo il mio paese, e portare qualcosa di nuovo e bello, facendo emergere qualità teatrali nascoste di molte persone di San Donato.

Sono stati tutti entusiasti dell’idea, e dopo un bel po’ di ricerche siamo riuscite a trovare tutti i personaggi iniziando le prove per allestire il tutto. I costumi sono stati presi in prestito dalle edizioni precedenti.

Le prove sono iniziate a fine marzo, per andare in scena il 13 aprile come prima tappa ne Santuario della Madonna del Pettoruto, il 16 aprile nella Chiesa della Purificazione di Mottafollone e il 17aprile nella Chiesa della SS. Trinità. L’idea iniziale era quella di svolgere la Passione per le strade del nostro paese, per renderla più caratteristica e per valorizzare quella che è la bellezza dei nostri vicoli. A causa del maltempo, il tutto è stato svolto all’interno della chiesa.

 

Oltre agli attori del nostro paese, hanno partecipato anche alcuni ragazzi di Altomonte, i quali hanno partecipato già precedentemente: Maurizio La Camera nel ruolo di Gesù, Marianna Stefania Caporale nel ruolo della Madonna e Mariateresa Barone nel ruolo di Maria Maddalena. Inoltre due ragazzi di Mottafollone, Enzo e Giancarlo, saputo della nostra iniziativa, si sono uniti a noi con grande entusiasmo, insieme ad un signore di Macellara nel ruolo di Barabba.

 

 

Gli attori di San Donato  sono:

Luigi Todaro – Giuda e Boia
Roberto Madormo  -  Caifa
Roberto Ferraro  – Pilato
Ernesto Cucci, Angelo De Maio, Francesco Ponzo – Centurioni
Mariagrazia Ferraro – Diavolo
Marilina Berlingieri – Claudia Procula
Enrico Ferraro – Nicodemo
Bruno Mezzetti – Cireneo
Irene Capolupo – Veronica
Giuseppe Ponzo – San Giovanni
Irma Barone, Anna Buno, Rosalba Rotondaro e Maddalena Panebianco – Pie Donne
Francesco Palermo e Nello Buono – Discepoli
Francesco Todaro – Servo di Pilato
Patrizia Bartolini, Emanuela Belgiorno, Rossella Ponzo

Musiche e canti: M° Enzo Barbieri e Antonella Consoli

Speriamo di poter ripetere il tutto l’anno prossimo, coinvolgendo magari molta più gente.

 

 

 

Un’idea apprezzatissima sia dagli  interpreti ,dagli autori e dal numerissimo pubblico.

Perché non si trasformerebbe in commedia Musicale,visto i  talenti vocali e musicali  di alcuni artisti e soprautto dell’amica Antonella Consoli e di Enzo Barbieri?

 

 

 

 

 

Da meditare,c’é un anno per realizzare,allora l’anno prossimo la stessa Passione in Commedia Musicale?

 

 

NOTA dell’ideatrice Maria Santoro:

Per la prima volta a San Donato di Ninea è stata rappresentata la “Passione di Cristo” Ideata da me Maria Santoro e in collaborazione con Antonella Consoli. E’ stata una esperienza unica ed emozionale che, hanno vissuto le tantissime persone che sono state protagoniste di questo grande evento unico nel suo genere. Molti protagonisti nel mentre recitavano piangevano al pensiero di quello che Cristo ha veramente sofferto durante la sua agonia prima della morte. Il progetto iniziale era quello di percorrere tutte le tappe della “Via Crucis” attraverso le stradine di San Donato che sono simili a quelle del percorso di Cristo durante il suo calvario per le strade di Gerusalemme. Ma il tempo è stato tiranno per cui si è svolta con magnificenza nella bellissima Chiesa della SS. Trinità di San Donato. Tutti gli attori (circa 40 persone, in maggioranza di San Donato) dal più piccolo di 8 anni al più grande di oltre 60 anni hanno recitato con fede e grande performance nel proprio ruolo con i caratteristici costumi della Passione. Tutti i presenti sono rimasti attoniti e meravigliati per il grande spettacolo reso dai loro concittadini. Non intendo perderli questi attori, sono bravissimi, simpaticissimi e molto umili. Prerogativa per fare alto teatro. Ho scoperto grandi talenti, con essi faremo grandi spettacoli a San Donato. Infatti già è previsto uno spettacolo per la festa patronale ad Agosto. La Passione è stata rappresentata la Domenica delle Palme al Pettoruto, il Mercoledì Santo a Mottafollone e il Giovedì Santo a San Donato. Tutte e 3 le rappresentazioni hanno commosso vivamente tutti i partecipanti e i presenti. Un grande applauso a tutti loro e ai Sacerdoti che ce lo hanno permesso.

Maria Santoro

Antonella Consoli & Luigi Bisignani

 

 

 

 

Posted in Dati locali, Eventi, Non classé | 3 Comments

7a edizione del FESTIVAL CANORO “Nottedinote Altomonte”

Luigi Bisignani

IL FESTIVAL CANORO Nottedinote Altomonte é arrivato alla SETTIMA Edizione.

Il festival canoro Notte di note Altomonte organizzato dall’omonima associazione musicale “NOTTEDINOTEALTOMONTE” sotto la direzione artistica Graziella Verta e con il suo meraviglioso staff affiancato a lei dal 2008 , sono :Alessandra Paladino ,Veronica Paladino ,Massimo Verta ,Michele Saliccia ,Francesca Viceconte come presentatrice ufficiale del festival ,Ponte Pasqualina come scenografa personale del festival.
Ringraziamo le scuole di canto che come ogni anno credono nel festival far partecipare i loro allievi sul palcoscenico del teatro “Costantino Belluscio ” Altomonte cs
si esibiscono numerosi talenti provenienti da ogni regione – Calabria ,Basilicata,Puglia,oltre. partecipano al nostro festival artisti dai 6 /35 anni .voce solista -duo -cori ,cantano sia inedito ,cover , sia in lingua italiana ,che straniera. Il nostro festival canoro come ogni anno e gemellato con altri festival per dare un’altra occasione agli artisti di far conoscere il loro talento in altre piazze da ogni regione, tanti premi in palio ,il nostro festival canoro non promette niente agli artisti , solo cantare , e trascorrere insieme due splendide serate all’insegno della musica , come ogni anno abbiamo una giuria qualificata nel settore sia musicale ,che canto.Siamo soddisfatti del nostro festival sia come artisti ,come pubblico ogni anno abbiamo 800 persone per applaudire i nostri artisti ,i nostri ospiti nelle due serate.dopo tanto lavoro per organizzare l’evento .Siamo premiati dall’artista,dal pubblico,grazie di cuore.Altomonte vi aspetta ogni anno 1-2 giugno al teatro “Costantino Belluscio “Altomonte cs.
il festival canoro “Nottedinotealtomonte ” come ogni anno vi aspetta numerosi.

 

 

 

 

 

 

MODULO iscrizione notte di note14. (scarica cliccando sul titolo)

REGOLAMENTO notte di note 14 (scarica cliccando sul titolo)

Posted in Dati locali, Eventi | Leave a comment

ANNI DI PIOMBO…

La Redazione & Pasquale GIANNINO

ANNI DI PIOMBO?

San Donato di Ninea (Cs)Spesso rimpiango di non aver vissuto gli anni Settanta. Ero troppo piccolo, mi resta solo qualche frammento, come il giorno in cui rapirono Aldo Moro. Mi pare di vederlo, mio padre, che fra un sorso di whisky e l’altro commentava la notizia con un amico in salotto, e non capivo perché fossero entrambi così preoccupati. Ricordo che scoppiai in lacrime quando dissero che era morto papa Luciani. Non so perché, ma io a quel papa volevo bene. Poi elessero il polacco, ma se devo essere onesto non mi era per niente simpatico. Dopo, crescendo, ho imparato che ha avuto un ruolo cruciale per la storia del mondo, che ha dato al muro la scossa definitiva e tutto il bla bla bla che hanno imbastito intorno alla sua figura. Ricordo l’elezione di Pertini, e fu anche per lui amore a prima vista: era come se avessero eletto mio nonno… La nostra casetta si affacciava su via XXIV Maggio, una viuzza tutta in salita che cedeva il posto, una ventina di metri più in alto, a una scalinata che era uno schianto. Appena la imboccavi c’era sulla destra il palazzo di don Peppino, un vecchio medico rimasto nel cuore della gente. Morì proprio in quel periodo, quasi novantenne. Lo ricordo quando usciva per andare a prendere il giornale vestito da gran signore: il bastone sotto il braccio, lo sguardo altero, camminava dritto come un fuso. Qualche tempo fa gli hanno intitolato una piazza, in verità si tratta di un piccolo slargo: quello che separa la via dalla scalinata. Io sono stato sempre molto attento agli aneddoti che ci raccontavano i vecchi del paese, eppure vi confesso che non ho mai capito, da quei racconti, quale fosse il merito di tanta adorazione. Sarà stato un medico dei poveri, uno alla Céline, uno che non chiedeva soldi a chi aveva problemi… Macché, niente di tutto questo: era uno che si pagava profumatamente. Conosco la storia di un contadino che dovette vendere l’asino per pagare una sua prestazione… Continue reading

Posted in cultura locale, Dati locali | Leave a comment

LA SANTA PASQUA di Francesco Ponzo”Sparacito”

Luigi Bisignani

Serene festività Pasquali a tutti
con l’augurio che ogni giorno sia per tutti noi la resurrezione dei valori umani nei nostri cuori !!!
AUGURI di cuore a tutti  gli amici e famiglie e tutti i fedeli  lettori del nostro G.I. SANDONATESE
Rendendo omaggio al nostro poeta “Francesco i Sparacito”
vi auguro a tutti una buona PASQUA con una delle sue bellissime poesie

LA SANTA PASQUA
Con mani giunte s’inchina all’Altare
Il fedele e comincia a pregare.
La gioia più grande nel cuore che sente,
Per la gloria di Dio che risplende.
La Santa Pasqua é messagio d’amore
Che Dio ci dona, ch’é nostro Signore
Per far si che possiamo capire
Che per noi Egli volle morire,
E ancora per noi  volle risuscitare
Per proteggerci ed insegnarci ad amare
Il nostro prossimo ,e da cio dedurre
che al bene bisogna il pensiero condurre,
Poiché non c’é cosa più grande
di cio che spande continuamente e rispande
Quei sentimenti che nascono nell cuore,
Per dare al mondo affetto e calore .
Guidarci Tu vuoi,noi lo sappiamo,
In cambio Signore tant’amore Ti diamo ;
Tu ai Tuoi figli assai bene vuoi ;
Tu che sei grande e tutto Tu puoi .
La Tua luce c’illumina e fiducia c’infonde,
fiducia grande che giammai si confonde.
Goria a te ,o Signore risorto
Dacci la forza di non far’TI mai torto

Francesco Ponzo  « Sparacito »

Posted in cultura locale | 1 Comment