Come eravamo : A bòn pìsu

Luigi Bisignani &Minucciu

Gàsti e shìshjuli.

U’ supièrchju, quìru chì ntà Ninàja òn c’è capùtu

“A bòn pìsu”.

CULTURA SANDONATESE copieEra l’espressione usuale dei commercianti, i quali davano risalto a quei pochi grammi in più di merce, oltre il “giusto peso”, lasciati a bella posta sul piatto della bilancia quale segno di bonomia verso l’acquirente.

Questo accadeva anche per sfatare le “frame” che giravano fra i compaesani riguardo l’esattezza di alcune bilance. La “memoria”” di queste circostanze, mi ha indotto a verificare quale è stato il regime dei pesi e delle misure nei tempi passati e quali disposizioni, controlli e verifiche periodiche degli strumenti veniva effettuata dalle autorità preposte.

Fra i documenti consultati, riporto quello con riferimenti alla “Calabria superiore” e quindi anche a San Donato ed alle sue terre. Si tratta delle istruzioni, emanate da Ferdinando I d’Aragona e riguardanti la corretta esecuzione dell’editto 6/4/1480, sull’uniformità di pesi e misure nel regno. Del suddetto documento, ho lasciato intatto il linguaggio del tempo.

Istruzioni date per lo Signore Re al magnifico Vicilao de Campitello, Thesaurario de Calabria superiore, le infrascripte Copie per ipso, da eseguire in le Terre de la sua jurisdizione super ponderibus, et mensuris.

Continue reading

Posted in Cultura e Costumi, Minucciu | 1 Comment

Il Carnevale

 Luigi Bisignani

Ti sei ma chiesto cosa vuol dire e da dove deriva la parola  Il carnevale?
image

 maschereIl carnevale è una festa che si celebra nei paesi di tradizione cattolica I festeggiamenti si svolgono spesso in pubbliche parate in cui dominano elementi giocosi e fantasiosi; in particolare, l’elemento distintivo e caratterizzante del carnevale è l’uso del mascheramento.

La parola carnevale deriva dal latino carnem levare (“eliminare la carne”) poiché anticamente indicava il banchetto che si teneva l’ultimo giorno di carnevale (martedì grasso), subito prima del periodo di astinenza e digiuno della quaresima

I festeggiamenti maggiori avvengono il Giovedì grasso e il Martedì grasso, ossia l’ultimo giovedì e l’ultimo martedì prima dell’inizio della Quaresima. In particolare il Martedì grasso è il giorno di chiusura dei festeggiamenti carnevaleschi, dato che Quaresima inizia con il Mercoledì delle ceneri.

Continue reading

Posted in cultura locale, dati nazionali | Leave a comment

Il carnevale a San Donato di Ninea

Luigi Bisignani

Il carnevale a San Donato : Gioia,colori amore e fantasia,spensieratezza ed allegria !!

“L’Amore è……un Carnevale”.10384034_261814214098368_6023175109654347320_n L’Amministrazione Comunale di San Donato di Ninea, quest’anno, ha voluto far rivivere il Carnevale di nuovo nel piccolo borgo, facendolo coincidere con la festa degli innamorati, dove di solito si organizzavano sfilate per le strade del paese e giri notturni per far visita in allegria ad amici e parenti.

 

Dopo circa una decina d’anni abbiamo voluto ripristinare questa tradizione, con una sfilata per le vie principali del paese, coinvolgendo sia grandi che piccoli, con tanti costumi, musica e coriandoli. Continue reading

Posted in Arte e Spettacolo, comune, Dati locali | 4 Comments

Come eravamo : A tìrantèddha e l’àti àbbàddhj

Luigi Bisignani & Minucciu

A tìrantèddha e l’àti àbbàddhj

CULTURA SANDONATESE copiePer i giovani sandonatesi, vissuti a cavallo fra gli ultimi due secoli, ballare era un passatempo raro, generalmente praticato nel periodo di carnevale ed occasionalmente durante alcune feste, cito ad esempio il matrimonio. Non era attività “libera”, intesa nel senso che ognuno si poteva comportare come meglio credeva. Il ballo aveva le sue regole, alcune delle quali molto rigide.

Il riferimento è naturalmente a qualche decennio addietro, a quel periodo in cui gli strumenti musicali che fornivano il supporto necessario per il canto ed il ballo, erano “nù tàmmurièddhu” (tamburello, con e senza sonagliera), “nù càtarrìnu” (la chitarra battente a quattro corde), “à ciramèddha” (la cornamusa, ad una, due o tre canne), “l’àriganièttu” (generalmente un organetto a due ottave e otto bassi). Continue reading

Posted in cultura locale, Minucciu | Leave a comment

Frana a San Donato di Ninea

Luigi Bisignani : tratto da Diritto di Cronaca

Maltempo sulla Valle dell’Esaro causa frane e smottamenti

VALLE ESARO – Il maltempo continua a colpire la Valle dell’Esaro e i primi danni non tardano a farsi registrare. In particolare, a causa delle forti piogge e raffiche di vento a San Donato di Ninea si è staccato un masso di circa 5 metri cubi dalla montagna soprastante il centro storico finendo, fortunatamente, all’interno di una casa disabitata. Non si segnalano danni a persone, ma la zona di corso Domenico Martucci è stata transennata ed interdetta al transito per motivi di sicurezza, essendo limitrofa alla piazza principale. Immediato l’intervento dei tecnici comunali e del sindaco Jim Di Giorno per rendersi conto della situazione. Quest’ultimo ha emesso un’ordinanza di Protezione civile trasmessa per conoscenza anche al Prefetto di Cosenza.
Piccole frane, inoltre si sono registrate in altre aree del territorio, mentre quella più consistente si è verificata nel comune di Fagnano Castello. Qui l’Anas ha comunicato che è chiuso provvisoriamente al traffico, in entrambe le direzioni, un tratto della statale 283 “delle Terme Luigiane”, all’altezza del km 18,300a causa di una frana. Sul posto sono presenti le squadre Anas per eseguire le verifiche sulla sede stradale ed avviare le attività di ripristino della circolazione in piena sicurezza per gli utenti. Il traffico viene deviato temporaneamente sulla viabilità provinciale.

Posted in Dati locali | 3 Comments

La tradizione del maiale in Calabria.

Luigi Bisignani

La macellazione del maiale, uno dei riti più antichi della comunità calabrese

In questo periodo, in ogni famiglia, si perpetua il tradizionale rito della macellazione del maiale. L’allevamento dell’animale era considerato una delle poche risorse alimentari indispensabili della gente contadina.
In Calabria, fino a qualche tempo addietro, non c’era nucleo familiare abbiente o meno che non allevasse una famigliola di maiali le cui carni, espressamente gustose al palato di tutti, servivano sia come companatico, sia come fabbisogno energetico. Continue reading

Posted in Dati locali, Usanze | Leave a comment

Come eravamo :A vìrdiràma.

Luigi Bisignani & Minucciu

“Ghèra nnà simàna chì ccì sì minàvadi nfàcci; parìa fàttu appòsta ppì càccià à nnànti ì pàriènti; cchì bbrigògna”.

CULTURA SANDONATESE copieZìa Màriangiùla non si capacitava di come era potuto accadere una cosa simile. Trenta persone a letto o sotto cure mediche ed altrettante che non potevano uscire di casa “ppìcch’ àvìanu ù puònnu”. Era bastato una sua piccola distrazione e quel sugo e quella carne erano rimasti più del necessario “ntà cavudàra ì ràma e ghèranu divintàti tuòssicu”.

La colpa non era solo sua, “ppicchì sòcra e marìtu nn’àvìanu à pàrti”. “A’ sòcrà”, zìa Filumèna, mentre lei stava “ppì càccià à càvudàra do fuòcu”, l’aveva chiamata per controllare “à pàsta dè turdìddhj e ddì l’àti dùrci”. S’era distratta e non aveva più pensato alla carne ed al sugo lasciandoli nel rame più del necessario “ed’avìanu àrramàtu”. Continue reading

Posted in Cultura e Costumi, cultura locale, Minucciu | 1 Comment

BUON FINE 2014 e PROSPERO E FELICE 2015

Luigi Bisignani

La Redazione e tutto lo staff del giornale Sandonatese

Augura a tutti i fedeli lettori ” Un buon fine  Anno 2014

ed “un Felicissimo e Prospero ANNO 2015

04

Posted in bisignani, Giornale | 1 Comment

BUON NATALE

Luigi Bisignani

Buongiorno a TUTTI…
Dedico i miei più sentiti auguri di Natale a tutti quelli che non riescono a sentire la gioia della festa, sperando che il loro cuore si apra alla magia della Natività!10

Posted in bisignani | 1 Comment

Ninaja : ù sùpièrchju

Luigi Bisignani

Le origini del nostro Dialetto,vi siete mai chiesti da dove deriva il nostro dialetto? Dopo tantissime ricerche, Minucciu ci spiega un po la storia del nostro parlato.

Tratto da “Ninaja” di Minucciu  ,

A’ grasti e shjshjuli, ù “sùpièrchju” ì Ninaja,

CULTURA SANDONATESE copie “U’ parlàtu”.

Se guardiamo all’origine della nostra “parlata” ed ai contenuti “arcaici” del dialetto sandonatese, non possiamo ignorare “il debito” verso la civiltà greco-latina (le cui lingue tanto hanno influenzato il nostro parlare).

Dobbiamo anche, e soprattutto, considerare che ne abbiamo un altro e più consistente, verso popoli più antichi, presso i quali la lingua, in quanto tale, si è “formata” ed ha preso corpo.

Ce lo raccontano linguisti e storici, ai quali dobbiamo per forza credere, perché, loro, sulla questione, ne sanno molto più di noi. Continue reading

Posted in Come Eravamo, cultura locale, Minucciu | 1 Comment