Giu 09 2014

Cerimonia in Onore di Enzo Bisignani

Luigi Bisignani

Il 31 Maggio 2014,in presenza di :
Luigi Bisignani (Gigiotto),Ponzo Francesco,Mons. Leonardo Bonanno (Vescovo della diocesi di San Marco Argentano-Scalea, vicario generale dell’Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano);
Gerardo Mario Oliverio (Presidente della Provincia di Cosenza);
Mario Caligiuri (Segretario regionale di Italia dei Valori);
Don Pino Esposito (Sacerdote della comunità sandonatese);
Jim Di Giorno (Sindaco di San Donato di Ninea) e tutta la nuova amministrazione comunale.

In memoria di ENZO BISIGNANI é stata inaugurata ,sul frontale della chiesa della Assunta « ara Motta » la nuova statua di Sant’Anna e Maria fanciulla.Dunque mamma della Madonna Assunta e nonna di gesù.

Enzo Bisignani nato a San donato di ninea  il 15 novembre 1948-deceduto in Francia lontano dal suo paese natale  il 20 ottobre 2013 all’alba dei suoi  65 anni. Troppo giovane per lasciarci,ma abbastanza per lasciare il suo ricordo,il suo passaggio su questa terra fu breve ma il suo ricordo resterà per sempre.
Ho aiutato mio fratello fino al suo ultimo saluto,coraggiosamente  uno dei sui ultimi giorni mi disse  « fraté per i miei funerali,niente fiori e targhe,fai solo qualcosa per il paese… »
Allora mi son detto e promesso «esaudiro  il tuo desiderio ». Fin da quel giorno mi posi la domanda ma cosa fare,dove ?con chi ?
Chiamai mio nipote  Francesco Ponzo  e gli parlai dell’ultimo desiderio di mio fratello e suo zio Enzo.
Come Enzo era un grande cattolico praticante,logicamente l’idea si porto subito sulle chiese del paese.
Francesco,abitando al paese ,si mise subito in contatto con Don Pino parroco del paese,il quale ci dette subito tante idee,ma quella che fu ritenuta fu di fare qualcosa per la chiesa dell’Assunta alla motta,luogo dove,mio fratello  passo una parte della sua gioventù.

Dopo tante telefonate e discussioni fu scelto di mettere una statua in memoria di ENZO,la statua dei genitori  della Madonna Assunta,Santo Gioacchino il papà e la madre Sant’Anna.

Non volendo monopolizzare le due finestre all’esterno della chiesa della motta fu scelto la statua di sant’Anna ,madre della madonna Assunta e Nonna di Gesù ;

mentre a statua di Santo Gioacchino sarà lasciata ad altri devoti che sceglieranno di metterla nell’altra finestra rimasta per ora vuota, Don Pino aspetta il dono di coloro che vorranno metterla.Ed io saro a vostra disposizione per indicarvi come  fare.

La scelta fatta,ora si doveva trovare dove e come si poteva acquistare questa santa Statua.Don Pino tramite le sue consocenze ci mise in relazione con il negozio di articoli religiosi di Arturo Maria Luisa a San Marco Argentano. Contatti presi ci promisero subito di trovarci la statua di Sant’Anna.

Qualche giorno dopo la proposta fu : una statua di sant’Anna con la fanciulla Assunta.

Gli accordi presi ,per l’altezza ed il colore ,i lavori potevano inziare.da questo momento molte telefonate furono scambiate fra Don Pino,sempe presente alle nostre domande,i commerciali del negozio di Arturo Maria Luisa e me stresso… i giorni passarano e gli accordi furono presi..dopo lunghi mesi finalmente si arrivo al mese di  maggio ,mese dei festeggiamenti  della  Madonna Assunta,in un primo tempo si voleva fare questa cerimonia il 24 Maggio ,giorni dei feteggiamenti  della Madonna Assunta a San Donato di Ninea,ma per motivi di festeggiamenti e logistica si decise di fare questa cerimonia l’ultimo giorno ,cioé il 31 Maggio,giorno di chiusura dei feteggiamenti ,ed abbianato al giorno in cui due famiglie del paese ,Pizzo e Panebianco,davano la chiusua dei festeggiamenti del mese fiorito di maggio.

Finalmente una data fu decisa 31 Maggio alle ore 17h00.Dovevo aspettare questa data per vedere esaudito l’ultimo desiderio di mio fratello Enzo.

Enzo ,conosciuto al paese come Enzucciu Bisignani o Volpone.vorrei dare solo una spiegazione a questo soprannome «  Volpone ».

Enzo era piccolo e snello,sarto di passione   e ne fece il suo mestiere.

Era il lontano 8 agosto 1965 ,il grande Don franco Campolongo organizzava il primo meeting su strada a San Donato, convinse i molti giovani sandonatesi di allenarsi e partecipare  alla prova dei 3000 m e 1500 m,dal pantano alla sellata,corsa difficile e tutta in salita.

Aveva promesso la partecipazione di campioni e cosi fu,c’era il campione dell’epoca Pietro Perrupato.Il giorno  di questa prima gara podistica erano in molti a partecipare ,i pronostici erano facilissimi,doveva vincere il campione italiano in titolo Pietro Perrupato .Cosa sbagliata ,come si dice ,facciamo la corsa ne parleremo dopo.

La partenza fu data un pomeriggio di agosto,faceva molto caldo, i partecipanti numerosi,uno dopo l’altro abbandonavano,troppo caldo e troppo duro seguire i campioni,tra i campioni che lasciavano tanti abbandoni indietro ,pochi sandonatesi  tenevano ancora la corda,tra cui troviamo Enzo e Nello Buono,campioncini ,novizi ma forti di carattere e forza atletica.  Davanti si accellerava,due persone si presentaraono alla salita « i CIAVONI »,Perrupato ed un piccoletto sconosciuto : Enzo Bisignani,il Perrupato non sapeva come disfarsi di questo ometto che era incollato ai suoi talloni. In questa citata salita il Perrupato apri le Braccia come un falco per impedire Enzo di passarlo,ma il piccolo genio ,passo sotto le braccia del campione e volo verso il traguardo,alla sorpresa di tutto il pubblico sandonatese che aspettava il campione in titolo,ma scoprirono un nuovo Campione,ENZO BISIGNANI.la  sorpresa fu grande e la festa grandiosa. Avete capito perché lo si chiamava VOLPONE,perché era furbo ed andava veloce come una volpe a solo 17 anni

La settimana dopo vince gli assoluti regionali e campioni  regionali per squadra con i suoi amici NELLO BUONO e  suo cugino SETTIMIO ROTONDARO.

Il destino aveva deciso di non farne un campione,dopo solo qualche mese scelse di esercitare l’altra sua passione di « SARTO » e parti  in Francia ,dove i sarti potevano esprimere le qualità di sartoria e sulla moda.

In Francia  vesti  molte personalità,campioni,cantanti etc… era apprezzato per la sua bravura ma sopratutto per la sua BONTA.Ecco un po della sua storia.

I preparativi andavano bene ,per questa cerimonia,arrivai  al paese il 28 maggio 2014,dopo una lunga discussione con Don Pino si decise che la cerimonia  si faceva,il 31 maggio alle 17h00 in presenza di molte pesonalità ed abitanti del paese.

La statua arrivo il 30 Maggio pomeriggo,alle 17h00 iniziavano i difficili lavori ,per metterla nella nicchia sinistra della chiesa. Il vento rendeva ancora più difficile i lavori,grazie alla volontà e la bravura del  muratore MICHELE SALERNO,  fummo pronti per la detta cerimonia del 31 maggio.

Ero presente durante i  lavori,il vento rendeva molto ma molto difficile il  lavoro in alto ,anche se erano solo  5 metri di altezza,Michele dovette prendere tutte le precauzioni di sicurezza che ci volevano,e debbo dargli un grande grazie per il lavoro professionista compiuto.

Eccoci arrivati al grande giorno,la madonna Sant’Anna era pronta per la sua inaugurazione.alle 16h30 la chiesa era gremita di paesani e non si aspettavano le varie personalità invitate per l’occasione :

Leonardo Bonanno (Vescovo della diocesi di San Marco Argentano-Scalea, vicario generale dell’Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano);
Gerardo Mario Oliverio (Presidente della Provincia di Cosenza);
Mario Caligiuri (Segretario regionale di Italia dei Valori);
Don Pino Esposito (Sacerdote della comunità sandonatese);
Jim Di Giorno (Sindaco di San Donato di Ninea) e tutta la nuova amministrazione comunale ed io stesso con mio nipote,grande artefice di questa cerimonia.

Abbiamo atteso tute queste personalità ari palizzi  con la banda musicale, che profitto per ringraziare,una volta tutti arrivati ,ci mettemmo in cammino a piedi ,sotto le raffiche di vento per  recarci alla chiesa dove molta gente aspettava.

Arrivati li sentivo l’emozione invadermi il momento tanto atteso arrivava, dopo la predica e messa detta da Don Pino ed il vescovo, la  madonna dell’assunta fu scesa dall’altare e portata in processione sullo spiazzale della motta,in modo che salutava tutto il paese, arrivati davanti alla nuova statua di sant’Anna,questa fu benedetta e ufficialmente inaugurata in memoria di ENZO BISIGNANI.

 

 

 

 

 

Davanti la statua , uno sguardo in alto …

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo seguii il volo del famoso PALLONE ed il quadro della madonna ritorna al suo posto sull’altare ,dove aspetterà lil 24 maggio 20015 per uscire per le vie del paese.

 

 

 

 

 

Ora resta la nicchia destra vuota, faccio un a appello solenne a tutti  coloro che vorebero acquistare la statua  del papà della madonna San GIOACCHINO e vorebbere farne un dono alla chiesa,potete contattarmi direttamente oppure avvicinatevi verso Don Pino, vi daro tutti i dettagli di come fare.

 

Vorrei concludere ringraziando tutti per  la votra presenza a questa cerimonia e festa di fine Maggio,credo che mio fratello Enzo sarà contento ,il suo desiderio é esaudito.

 

Grazie di cuore a tutti i Sandodnatesi presenti a Don Pino,mio nipote Francesco  ed al nuovo Sindaco J. Di Giorno con tutta la nuova amministrazione

 

il nuovo volto della chiesa,aspetando San Gioacchino nella nicchia destra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciao Fratello ora sarai contento!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luigi BISIGNANI (Gigiotto)

 

Permanent link to this article: http://www.sandonatodininea-cs.it/2014/06/09/cerimonia-in-onore-di-enzo-bisignani/

Lascia un commento

Your email address will not be published.