Acquedotto Abatemarco,San Donato di Ninea,monte Mula

Luigi Bisignani

Conoscete tutti  questo acquedotto ? l’Abatemarco? dove si trova e quando é stato costruito? a cosa serve?

Ho cercato di rispondere a tutte queste domande con questo articoletto tratto dalla sede della SORICAL.Costruito tra gli anni 70/80 dalla ex Casmez, oggi è gestito dalla Sorical che sta mettendo in esercizio il tampone della Galleria Mula, un’infrastruttura unica nel suo genere

LA GALLERIA ABATEMARCO DI VALICO DEL MONTE DELLA MULA IN CALABRIA. Opera di presa di acqua potabile

La galleria di valico del Monte della Mula, progettata dall’Acquedotto Cosentino per trasferire verso Cosenza acque sorgentizie del fiume Abatemarco, è stata realizzata negli anni 1978/’83 con finanziamento della Cassa per il Mezzogiorno. Scavo e rivestimento della galleria, lunga 6,4 km, vennero eseguiti con fresa scudata a piena sezione (TBM). Nel corso dei lavori si incontrò una tratta acquifera con portata molte volte superiore a quanto previsto in progetto.

 

L’imprevisto, grazie a tempestive decisioni dei Promotori dell’opera ed alla efficienza della Impresa esecutrice, si mutò in risorsa con la costruzione di opere atte a garantire una ingente e permanente fonte idropotabile per Cosenza.

 

 

Acquedotto Abatemarco

L’acquedotto Abatemarco è il più grande e complesso degli schemi idrici affidati alla gestione della So.R.I.Cal. Attraversa per oltre 60 km alcune delle aree geologicamente e morfologicamente più tormentate dell’intero territorio calabrese. Le elevatissime pressioni di esercizio e l’instabilità dei versanti attraversati lo rendono sovente soggetto a rotture con interruzioni dell’esercizio. I due centri di utenza più rilevanti (le Città di Rende e Cosenza) sono posti al termine del suo lungo sviluppo subendo in tal modo ogni perturbazione dell’assetto funzionale dello schema. L’attivazione della condotta di raddoppio nei 25 km del tracciato terminale, insieme alla progressiva attuazione di alcune importanti varianti al tracciato, impostate su aree di maggiore stabilità, in uno all’applicazione dei più moderni dispositivi di regolazione automatica e telecontrollo stanno finalmente elevando gli standard di affidabilità operativa dell’acquedotto.

Le sorgenti

Nelle selvagge valli rocciose del Parco Nazionale del Pollino, un gruppo di sorgenti di eccezionale abbondanza e purezza: la Favata Alta, la Favata Bassa, e la sorgente Nascejume, la più ricca e stabile fra le sorgenti degli acquedotti calabresi. Sollevate da un potente sistema di pompaggio le copiose portate raggiungono l’imbocco della Galleria di valico della Mula un lungo tunnel rettilineo di oltre 6 km nel cuore della montagna con più di 1000 m di copertura rocciosa.

Il Tampone della Galleria Mula

Lungo il percorso, grandi portate d’acqua scaturiscono dalla volta della galleria. Due porte stagne isolano un tratto di 1300 m l’acqua risale fino a un’altezza di 30 metri  riempiendo la galleria e le fratture della roccia e creando un grande serbatoio sotterraneo: il Tampone della Galleria Mula. Un’opera unica al mondo, con una importante funzione di riserva e stabilizzazione idraulica che, dopo decenni di inutilizzo, Sorical sta finalmente avviando. Allo sbocco della galleria, sul versante ionico, l’altra ricca sorgente, Mezzafiumina, si immette nell’acquedotto.

Bellissima spiegazione in questo video :

il Video dell’Abatemarco : clicca sul titolo per vedere il filmino.

 

 

Permalink link a questo articolo: https://www.sandonatodininea-cs.it/2021/02/04/acquedotto-abatemarcosan-donato-di-nineamonte-mula/

4 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • FIORINO CERCHIARO il 7 Febbraio 2021 alle 13 h 13 min
    • Rispondi

    Gli anni della “dipenta” sono stati gli ultimi anni d’oro di San Donato
    Lavoro benessere e prosperità.
    Finita l’opera è rimasto lo scempio davanti all’ingresso della galleria che fruttò il premio “Attila” al sindaco di allora , diciamo il Nobel per chi ha massacrato la natura e le sue bellezze ……..
    Oggi la natura si sta riprendendo quanto a lei è stato tolto…..intemperie e scarsa manutenzione hanno creato e creano frane….a mezzafiumina non si arriva più se non da Policastrello .
    Come sempre abbiamo dato tanto e ricevuto poco o niente.

    • Bisignani Luigi il 10 Febbraio 2021 alle 17 h 33 min
    • Rispondi

    Peccato,pochi commenti per un soggetto molto importante.

    • FIORINO CERCHIARO il 13 Febbraio 2021 alle 19 h 24 min
    • Rispondi

    Vero Gigiotto
    Peccato
    Una sana dialettica e una critica costruttiva fa crescere una comunità
    Avevamo l’oro trasparente……le chiare fresche e dolci acque ora ci restano.. frane e dissesti ….speriamo in un’intervento delle autorità competenti
    Saluti

    1. speriamo e lo auguro per il bene del nostro territorio
      cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.