Mag 25 2019

Borgo, Dieta Mediterranea e Piante Officinali.

Luigi Bisignani

Ho ricevuto dall’organizzatrice del convegno Antonella Calabrese e pubblico.

Borgo, Dieta mediterranea e piante officinali sono i tre temi che abbiamo scelto di approfondire nel convegno organizzato il 23 maggio scorso nella sala Consiliare del Comune.

Tre diversi temi ma tutti profondamente legati dal fatto di avere a disposizione sì tante risorse ma di non averle sino ad ora compiutamente comprese e valorizzate; il mio – ed il nostro obiettivo – era ed è chiaro e cioè fornire un contributo di analisi e riflessione utile a costruire assieme un’idea di comunità, di sviluppo, di attrattività turistica.

Sono profondamente grata a quanti hanno voluto dare una mano, ai relatori, a chi – e sono stati veramente tanti – ha inteso partecipare mostrando l’immagine di una comunità viva, partecipe e legata da autentico ed intenso affetto nei confronti di San Donato.

Il mio ringraziamento va anche e soprattutto a chi, come il consigliere regionale Orlandino Greco, ha voluto essere con noi offrendo il contributo di un’esperienza politica che si è concretizzata negli ultimi anni in numerosissime iniziative destinate a valorizzare le risorse del territorio ed a costruire le condizioni per un possibile, auspicabile sviluppo.

Non ultime le proposte di legge – e le leggi approvate – su Borghi storici ospitali, Dieta Mediterranea, Piante Officinali che hanno dato lo spunto al nostro incontro.

Proprio muovendo da questa considerazione vorrei precisare – anche all’indirizzo del dott. Cerchiaro –  che l’ incontro non è stato nè  tecnico, nè scientifico perchè  la discussione di cui siamo stati protagonisti è stata – per un’esplicita scelta – politica, sociale, comunitaria e fondata su proposte di legge;  le numerosissime presenze ci dicono, d’altro canto, che San Donato è pronta a mettersi in cammino, a proseguire le azioni intraprese rendendole ancora più decise ed audaci, a recitare a pieno titolo il ruolo che gli spetta in un contesto territoriale che può e deve riservarci risultati più che positivi.

Ecco perché accettiamo di buon grado tutte le osservazioni ed anche le critiche, a patto però che siano costruttive,  formulate nell’interesse della comunità, rispetto dell’intelligenza di tutti.

Sta a noi tutti, ora,  far si che alle parole seguano i fatti, che dall’impegno nascano frutti, che la passione civile si trasformi in testimonianza pubblica, che l’entusiasmo dei giovani contamini una comunità che vive il presente e programma il proprio futuro.

Sono questi i concetti che abbiamo voluto rendere evidenti, con il contributo degli amministratori locali, con la testimonianza di chi è impegnato in un percorso politico, con l’esperienza di chi grazie ad un ruolo regionale ha già avuto modo di tradurre in fatti, proposte ed iniziative legislative le aspettative del territorio.

Nel convegno non sono stati coinvolti altri protagonisti ed altri temi perchè nulla avevano a che fare con i temi scelti e con gli obiettivi indicati; le passerelle ad uso e consumo del proprio ego non ci riguardano e, francamente, nemmeno ci interessano.

A mio avviso, dunque,  il primo immediato risultato è stato pienamente raggiunto e non sarà certo qualche sciocca polemica a distrarci dagli obiettivi che ci siamo prefissati e che con determinazione continueremo a perseguire.

E lo faremo con lo spirito che ho voluto evidenziare nel corso del mio intervento introduttivo, prendere coscienza dei problemi, approfondirli in tutti i loro aspetti e definire possibili e sostenibili soluzioni.

L’ultima notazione, e vi chiedo scusa, è di carattere personale ed è rivolta all’indirizzo di chi, come il dott. Cerchiaro, dopo aver redatto un singolare quanto non richiesto resoconto del convegno si augura all’indirizzo della sottoscritta coraggio e coerenza.

Il coraggio e la coerenza non si declamano a parole, sono concetti che devono essere resi evidenti con i fatti e con le scelte; si è autonomi nella misura in cui si crede in ciò che si fà, e si fa solo ciò in cui si crede.

Siamo giovani ma non certo sprovveduti, entusiasti ma non certo superficiali, in cammino ma con una direzione precisa, pronti a dire la nostra ma non senza prima aver dimostrato capacità di ascolto, politici ma nel senso più proprio del termine e cioè disposti a metterci in gioco al servizio esclusivo della comunità.

Si ringrazionano tutti i presenti,il consiglio comunale,hostess ,Gianluigi e la giornalista Fabrizia Arcuri per aver moderato in maniera brillante.

Antonella Calabrese

 

 

 

Permanent link to this article: http://www.sandonatodininea-cs.it/2019/05/25/borgo-dieta-mediterranea-e-piante-officinali/

Lascia un commento

Your email address will not be published.