Mar 06 2018

RICORDANZA (“ZIU ‘NTONIU”)

Luigi Bisignani

Ricevuto dal notro paesano Giuseppe Cordasco, il 12 aprile 2010 e ripubblico con molto piacere.

RICORDANZA   (“ZIU ‘NTONIU”)

Aveva cent’anni e più, tenero il sorriso,
ed era il nonno delle coste di San Vito.

Seduto sul  gradino della chiesa Madre,
dal sole del meriggio riscaldato,
il guardo ei volgeva alla vallata:
quella che per capo ha l’abitato,
dai fiumi Gronde, Rose ed Occido solcata,
da tanti colli e borghi punteggiata,
dai monti della Sila infin calzata.

Con il mento raccolto in una mano
e con  nell’altra il bastone a mò di guardiano,
scrutar volea le  strade del contado
e riveder sfilare,  come  indiane,
le belle ferracchiole,
con gli occhi pien d’amore
e la cavezza dell’asino per mano .

Dimenticava il nonno la sua etate
e che quella  era scena del passato,
quando vergogna era moralitate
e  la fatica segno d’onestate!

Mò gli  asini   son  tutti in  pensione,
le ferracchiole  divenute  gran signore:
adornate non più  da campagnole,
ma di lenti, foulards e pantaloni,
sfilano  veloci  a bordo di motori !

Le terre di pianura e di collina,
sian di Massanova  o Santa Maria,
delle Manche, del Pantano  o della Sorbia ,
son  vittime di un  ignobile  destino :
ricettacolo di  serpi . onniveri, malandrini
e rovi  dalle malefiche  spine!

Sugli alberi relitti non c’è un sol nido
e degli uccelli non s’ode il cinguettìo!

lungo i fiumi ed accanto alle cascine
niun s’inchina  più al suon dell’Ave Maria!

Deluso e rattristato,
il nonno dall’altra parte gira il capo
e con un sospiro ed una lacrima
saluta e  rende omaggio   a quel  passato!

da “Le mie memorie”

Giuseppe Cordasco                                       

 

Permanent link to this article: http://www.sandonatodininea-cs.it/2018/03/06/ricordanza-ziu-ntoniu/

Lascia un commento

Your email address will not be published.