Nov 13

Aru paisi mia (Alfonso Ottato)

Luigi Bisignani

Molti anni fa ricevevo qualche scritto firmato da un paesano che voleva stare dietro le quinte,un giorno incontrai il mio amico Alfonso  Ottato e mi fece capire che Catrino era lui, voleva esprimersi anonimamente per poter parlare del suo PAESE,la nostalgia e la sofferanza che lo distruggevano dentro quando era lontano e sapeva che il paese era in un degrado assoluto.Amava il paese in un modo smisurato e ne soffriva tanto nel vederlo in decanza assoluta.

13094242_106837156390322_14852742978331684_nAru paisi Mia

A nostalgia chi tassali sempi, pi quiru
co passatu ta stipatu pi non ti fà scurdà
addruvi si natu,a su paisi mia chi ghè
Santudunatu.

Eru pinsiaru arriatu curri spissu a quannu
ghera ninnu e spensieratu, cu tutti quiri
iuachi chi faciamu simbrava co paisi ghera
natu.
Si nte vaneddri ghia ci sugnu natu e ogni
tantu siantu a nostalgia, lassatimi iucà c’à
menti mia pi non mi fà scurdà u paisi mia.
I iuachi chi faciamu gheranu quissi:
a cavicchiula
a libra e presa
a puma lè
a latri e carabinieri
aru palluni
fuacu ari cannaletti
ari tappi
ara carrozza
aru circhiu
aru calosciu ca cavicchiula
e tanti gati iuachi chi non li fanu chiù.

Vulera turnà arriatu nu mumentu
passapurà sti iuachi do passatu, chi goi su tutti cosi assai mutati.

Catrino (Alfonso Ottato)

Permanent link to this article: http://www.sandonatodininea-cs.it/2016/11/13/aru-paisi-mia-alfonso-ottato/

Lascia un commento

Your email address will not be published.