Dic 03

Da “Come Eravamo”:Linghua 3

Da “Come Eravamo”…Minucciu

Linghua 3

Le parole mi sono diventate come le ciliegie, una tira l’altra e la ricerca sembra non avere mai fine. Evito ogni altro commento, che lascio volentieri a chi questo lavoro deve pubblicare ed a chi deve leggerlo.

Abbacà:dal greco “abacs” occupazione, passatempo, trastullo; in sandonatese, ha altro da fare, la cosa non interessa, non vuole; “oddhjcci àbbacadi”

Abbàddhu: dal greco “ballizcin”, ballo, ballare;

Abbambà: dal latino “flamma”, vampa; accendersi rapidamente, riscaldarsi, infiammarsi per e contro qualcuno o qualcosa;

Abbannunà: dal latino “bandum”, abbandonare qualcuno o qualcosa; desistere;

Abbantà: dal provenzale “vantar”, vantarsi, esaltarsi;

Abbàsciu: dal greco “apobaino” scendere; secondo altri autori dallo spagnolo “abajo” e dal francese “en bas”, giù, sotto;

Abbastà: o Abbàsta: dal greco “bastazo”, bastare;

Abbuccà: dal catalano “abocar”, rempire fino all’orlo, aggiungere;

Abburdà: dal latino “gùrgu gurges”, tardo latino “ab gorda”, popolare “gorgia”, gola; soddisfare un desiderio fino a sazietà; alcuni propendono per il catalano “atipar-ingordar”, saziarsi, mangiare a crepapelle;

Abbuttàtu: dal greco “botros-botrax”, batrace, rana; gonfio come un rospo, aver mangiato e/o bevuto a sazietà;

Accasiùni: dal greco “kairos”, occasione; in sandonatese, dare o avere motivo per parlare, litigare, ritrovarsi etc:

Acchjappà: dal greco “arpazo”, afferrare; secondo alcuni autori anche dallo spagnolo “chapa”, ripiegato, preso, afferrato;

‘Acina: dal latino “acinus”, grappolo d’uva;

‘Acciu: latino “apium” sedano;

Acciuncà: dal greco “colos”, zoppo; secondo altri autori dal francese “jucher” appollaiato; in sandonatese “cjùncu- accjùncutu-acciunchisci”, usare un solo arto od averli entrambi fuori uso;

Accuddhà: dal latino “ad collum”, farsi carico, addebitarsi qualcuno o qualcosa;

Accùnsenti: dal latino “cum sentio”, approvare; dare il consenso;

Accurciatùru: dal greco “apokopto”, tagliare la via, accorciare; per altri autori dallo spagnolo “acotar”, scorciatoia;

Adaqquà: dal latino” adaguo”, irrigare;

Addalmèrsa: dal greco “emallax”, moto di schiena e dal latino “ex adverso”, rovesciarsi; in sandonatese cadere all’indietro, essere in posizione supina;

Addissiccà: dal latino “exsicco- exiccatus”, asciugare-asciugato; essiccato, secco per mancanza d’acqua; per metafora in sandonatese persona di magrezza assoluta; versione moderna dell’antico Addinticà, dimagrimento fisico estremo fino a mostrare la dentatura,visibile sotto la pelle delle guance;

Addivisà: dal latino “animadvérti”, percepire, riconoscere.Voce in disuso da decenni; in sandonatese vedere qualcuno dopo molto tempo e, istintivamente, riconoscerlo; individuare qualcuno quando è distante;

Addurà: dal latino “olére – odoris”, percepire, sentire un odore;

Adduràca: origine orientale, deriva da “orato” dorato; frutto delle “viti durache” coltivate nella zona di Damasco e portate da frati francescani rientrati dal medio oriente;

Adugghjà: dal latino “oleum dare” oliare, ungere, lubrificare;

Affaluppà: dal greco “pseydologos”, bugiardo; ”faloppa”, avidità senza misura; in sandonatese raccontare bugie per cronicità nel mentire: falupparu;

Affiddhjà: dal latino “ad findere”, affettare;

Affinà: dal latino “finis”, assottigliare;

Affittà: dal greco “orasis, exorao” vedere da lontano; latino “figere”, fissare; in sandonatese avere vista acuta, vederci bene “affìttasi à mmì nfilà l’àcu?”

Affurmicà: da latino “formicatio” sensazione di disagio nervoso, scossa muscolare, formicolio;

Aggarrà: dallo spagnolo “agarrar”, artigliare, afferrare;

Aggrizzà: origine europea; da grinza, lembo sollevato ed avvicinato; avere la pelle d’oca dal freddo, dallo spavento, dall’emozione;

Aggrunnà: dal latino “grunda-grunna” fare, tenere il broncio; voce caduta in disuso da circa mezzo secolo e sostituita dall’espressione” gàvidi, tènidi ù mùssu”;

Agrièstu: dal greco “acrestos”, acerbo; in sandonatese oltre che alla frutta era riferita all’età od a una situazione non compiuta; voce non più in uso da un secolo;

Agrièvulu: dal latino “ilex aquifoium”; agrifoglio;

Agù: dal greco “agos”, eccomi, sono qui; richiamo di preannuncio da farsi in occasione di visite.Tipica la versione a celia “agù stàmu arrivànnu, ammucciàti” se l’arrivo coincideva con pranzo o cena;

‘Ahjmu: dal greco “acsimos”, privo di lievito, azzimo; per metafora detto di persona scialba, senza spessore ed esperienza, troppo giovane; “cìttu tù, panicieddhu gajmu” veniva detto al ragazzino che s’intrometteva nei discorsi di persone adulte;

Alivìncu: dal latino “albico”, sono bianco; in sandonatese “jancu”, pallido; voce non più usata da circa un secolo;

Allàju: o Allagghju: dal greco “allaji” latino “permutatio”, prezzo per l’uso di cose ed animali; Voce in disuso; in antico sandonatese indicava l’aggio al proprietario per l’uso di forno, maiddha e pala; si corrispondeva generalmente con una sarma, soma di legna da ardere, o due pagnotte;

Allarigàtu: dal greco “anapleo”, andare verso il largo, allargarsi; allargato, ampliato;

Allaschà: dal greco “exaniemi”, allentare; secondo alcuni dallo spagnolo “laxar”, allentare un nodo, una stretta, un cappio;

Allazzà: dal greco “katadeo”, latino “illaqueo”, stringere con un laccio, allacciare;

Allintàtu: dal greco “xeros”, magro; dallo spagnolo “lento”, dimagrire, deperire; sandonatese: lientu

Allupàtu: dal greco “lycos” lupo; famelico come un lupo, avere molta fame;

Amàru:  dal latino “amarus”, amaro sgradevole; persona irosa e/o cattiva;

Ammafarùtu: vedi Abbufunidi, ha uguale significato;

Ammarmurùtu: dal latino “marmor-marmòris”, marmo-di marmo, per analogia, freddo, intorpidito, ghiacciato dal freddo;

Dicembre 2001

 

Minucciu

Permanent link to this article: http://www.sandonatodininea-cs.it/2011/12/03/da-come-eravamolinghua-3/

Lascia un commento

Your email address will not be published.