Lug 13

NOSTALGIA DO PAISI MIA

La redazione & Catrino …

NOSTALGIA DO PAISI MIA
A nostalgia chi tassali sempi, pi quiru
co passatu ta stipatu pi non ti fà scurdà
addruvi si natu,a su paisi mia chi ghè
Santudunatu.Eru pinsiaru  spissu vadarriatu
a quannu  ghera ninnu e spensieratu

cu tutti quiri iuachi chi faciamu simbrava co paisi ghera
natu.Si nte vaneddri ghia ci sugnu natu e ogni
tantu siantu a nostalgia, lassatimi iucà c’à
menti mia pi non mi fà scurdà u paisi mia.
I iuachi chi faciamu gheranu quissi:
a cavicchiula
a libra e presa
a puma lè
a latri e carabinieri
aru palluni
fuacu ari cannaletti
ari tappi
ara carrozza
aru circhiu
aru calosciu ca cavicchiula
e tanti gati iuachi chi non li fanu chiù.

Vulera turnà arriatu nu mumentu
passapurà sti iuachi do passatu, chi goi su tutti cosi assai mutati.

Ciao da  Catrino

Permanent link to this article: http://www.sandonatodininea-cs.it/2011/07/13/nostalgia-do-paisi-mia/

10 comments

Skip to comment form

  1. grazie catrino
    per averci ricordato una parte dei nostri giochi di quei bei tempi

    • CATRINO on 15 Luglio 2011 at 13 h 02 min
    • Reply

    CORREZIONE: ERU PINSIARU SPISSU VADARRIATU A QUANNU GHERA NINNU E SPENSIERATU ECC.ECC…… GRAZIE PER LA REDAZIONE. CIAO DA CATRINO

  2. ciao Catrino
    ecco fatto se c’é altra correzione non esitare ed ancora grazie per il tuo apporto al giornale…
    Luigi

    • CATRINO on 15 Luglio 2011 at 13 h 17 min
    • Reply

    GRAZIE A TE GRANDE. . . . . . .

    • CATRINO on 15 Luglio 2011 at 13 h 22 min
    • Reply

    SCUSA LUIGI, MA GLI ALTRI COMMENTI DI IERI NON CI SONO
    PIU’?

  3. @ Catrino
    ciao sto cambiado il dominio ,questo é troppo piccolo e mi crea problemi ,come hai notato ora é : http://www.sandonatodininea-cs.it
    per i commenti di ieri non sono persi,vedo come posso recuperarli

    ciao a te

  4. @ Catrino
    ecco il riassunto dei commenti di ieri,scusa il disguido ma ti ho detto sopra la ragione grazie
    *******************************************************************
    COMMMENTI DI IERI 14 Luglio 2011

    14/07/2011 à 1:05 CATRINO
    CHIEDO SCUSA A TUTTI GLI AMICI LETTORI DEI MIEI VERSI NON ELABORATI, MA SCRITTI IN DIECI MINUTI NON APPENA SI FA’ FORTE IL PENSIERO SU QUELLO CHE DEVO SCRIVERE.
    SPERANDO DI FARE COSA GRADITA A VOI TUTTI ,VI DICO CHE COSA? FORZA SAN DONATO. CIAO DA
    14/07/2011 à 12:37 CATRINO
    PI TIA ,CHI NON TENISI MENTI E
    NON SCRIVISI NA COSA PU PAISI
    TUA CHI NON TI CERCA NENTI.
    QUISSA GHE’ CULTURA CAMA
    PURTA’ NNANTI PI SI ESPRIMI
    TUTTI QUANTI, U NOMI NON FA’
    NENTI, CHI TI COSTADI A TESPRIMI
    CHIARAMENTE?
    U PAISI « TUA » HA BISUAGNU PURU I
    TIA CHI DDRI SCRIVISI OGNI TANTU,
    PI DDRI FA’ CAPISCI CA DDRI SI ARU
    FIANCU.
    SCRIVI NU SALUTI PI TUTTI AMICI,
    PURU PI SAPI CUMU STA’ SANTUDUNATU
    E SI GHE’ FELICI.
    14/07/2011 à 11:13 Giovanni Benincasa

    A parer mio, di tanto in tanto, in alcuni casi, riappropriarsi di ciò che si faceva una volta, è, migliorare lo stile di vita evitando di fare attività trascendentali per sentirsi meglio col proprio fisico. Non tutti siamo nati atleti e dotati per lo sport, mentre quelle piccole attività che sono i giochi di una volta sono alla portata di tutti sia dal punto di vista economico che da quello della struttura fisica. Catrino la menzionato i giochi maschili, ma credo che le considerazioni siano le stesse anche per i giochi femminili, io ricordo, per esempio, le mie coetanee che giocavano ara campana.
    Saluti a tutti! Giovanni Benincasa
    14/07/2011 à 10:53 silvio barone
    ciao a tutti e solo un pensiero venuto in mente mentre leggevo il testo di Catrino cercare di organizzare nei giorni della festa patronale dei giochi popolari con i giochi di qualche anno fa potrebbe essere un modo che per noi grandi torniamo bambini e per i piu piccoli conoscere dei giochi di qualche anno fa ma secondo me attuamente di moda UN modo per tornare tutti un po piu bambini. buona giornata
    silvio barone

    14/07/2011 à 9:50 Rosetta Capolupo
    I giochi di cui parla Catrino sono prettamente maschili, ma io ne conosco solo alcuni. Il bello di tutti i giochi di allora era che si svolgevano all’aperto, in compagnia e c’era il confronto continuo, la sfida con gli amici, che serviva a misurare le proprie forze e a fare sempre meglio. Era una scuola di vita e, fatto importante, eravamo tutti magri! Nella mia classe c’era un solo ragazzo obeso. Cordiali saluti.
    Rosetta Capolupo

    14/07/2011 à 8:07 Moralizzatore
    Sarebbe interessante riprendere un po di quegli usi e costumi di una volta, io nonostante non sia avanti con gli anni, ma non essendo nemmeno un ragazzino, qualcuno di quei giochi lo ricordo e ciò anche giocato…..! Saluti e una buona estate a tutti.
    Moralizzatore

    13/07/2011 à 9:06 Giovanni Benincasa
    Salve Catrino! È nu piaciri a ti senti parlà accussì. I guagliuni i goj teninu internet, chi nui, na picchi nnanti cu l’anni, sapimu appena appena gutilizzà. Ari guagluini i goi fa i stà nnanti nu computer e stanu a postu senza sapi a magnificenza i nu juocu i quiri chi faciamu nui. Quannu iucava ara cavicchiula o nu juocu de nuosti, ia pruvava sempi nu sensu i gioia e di partecipazione. goi nnanti u computer su sempi suli o cu na cumpagnia, cumu si dici, virtuali.
    Giovanni Benincasa
    13/07/2011 à 6:27 Luigi Bisignani
    grazie catrino
    per averci ricordato una parte dei nostri giochi di quei bei tempi
    Luigi

    • CATRINO on 15 Luglio 2011 at 14 h 27 min
    • Reply

    RISPETTU PI L’ACQUA E RA IUMARA

    A IUMARA CHI SCURRI SEMPI IN FRETTA
    PI SI FA’ GUARDA’ SEMPI CU RISPETTU.
    GHIA CHI MI FIARMU SEMPI A RIPUSA’
    ARU FIANCU SUA PI MI RILASSA’, MENTRI
    MI RILASSU ARA GUARDA’ SEMBRA CA MI
    MMITA PI MI DISSETA’.
    CHI FORZA STA IUMARA QUA’!
    FA’ STU RIMURI CA GHIDDRA VO’ PASSA’
    E FINU A RU MARI ADDRA VIAGGIA’.
    QUANNU PASSA PRIPARATI ADACQUA’
    PA FA’ FIRMA’ NA PICCHI A RIPOSA’,
    NA MISSIONI STA’ IUMARA ADDRA PURTA’
    I COLTIVA’ E DI DISSETA’.
    U RIASTU CHI DDRA VANZA TI LU SCANZA,
    ECCU PICCHI’ LASA RISPETTA’ GHIDDRA NON
    VO’ NENTI PI TI DISSETA’.

    CATRINO

    • Giovanni Benincasa on 15 Luglio 2011 at 16 h 41 min
    • Reply

    X Catrino
    Non so quale sia la tua professione, ne quanto tu sia acculturato, fatto sta che i tuoi versi, espressi così di getto, non sfigurano di certo.
    Anzi, a parer dello scrivente che non è certo un letterato, pur se scritti nel nostro dialetto esprimono molto chiaramente ciò che ci vuoi comunicare.
    Complimenti e cordilalità!

    • CATRINO on 16 Luglio 2011 at 9 h 18 min
    • Reply

    CU LUIGI IN REDAZIONI E CU GIUVANNI BENINCASA ASPITTAMU ACCHIA NCUNU CHI NI’ SCRIVI NU SIRMUNI,
    GHIA SUGNU PENSIONATU E NU POCU ACCULTURATU, SCRIVU
    SULU IN DIALETTU SULU PI FA’ PIACIRI A CHINI MA’ LETTU.

    CATRINO

Lascia un commento

Your email address will not be published.