NOSTALGIA DO PAISI MIA

La redazione & Catrino

A nostalgia chi tassali sempi, pi quiru
co passatu ta stipatu pi non ti fà scurdà
addruvi si natu,a su paisi mia chi ghè
Santudunatu.
Eru pinsiaru arriatu curri spissu a quannu

ghera ninnu e spensieratu, cu tutti quiri

iuachi chi faciamu simbrava co paisi ghera
natu.
Si nte vaneddri ghia ci sugnu natu e ogni
tantu siantu a nostalgia, lassatimi iucà c’à
menti mia pi non mi fà scurdà u paisi mia.

I iuachi chi faciamu gheranu quissi:
a cavicchiula
a libra e presa
a puma lè
a latri e carabinieri
aru palluni
fuacu ari cannaletti
ari tappi
ara carrozza
aru circhiu
aru calosciu ca cavicchiula
e tanti gati iuachi chi non li fanu chiù.

Vulera turnà arriatu nu mumentu
passapurà sti iuachi do passatu, chi goi su tutti cosi assai mutati.

Catrino

Permalink link a questo articolo: https://www.sandonatodininea-cs.it/2012/07/10/nostalgia-do-paisi-mia-2/

2 commenti

  1. La nostalgia ben detta e scritta in dialetto…ma penso che questo é il momneto più nostalgico dell’anno per molti di noi.
    grazie catrino

    • Giovanni Benincasa il 10 Luglio 2012 alle 22 h 35 min
    • Rispondi

    Oggi sono stato a san Donato e nonostante l’approssimarsi dell’estate mi è parso ancor più desolato. Anche se non per molto tempo in casa di anziane amiche mi sono fermato e i loro discorsi mi sono parsi disperati, direi di gente che di qualcosa si sente defraudata. Un passato pieno di sacrifici ma intensamente vissuto e ora i vaneddhi su boti, per loro c’è silenzio tutt’intorno e a noi ci mancia la nostalgia. Giovanni

Rispondi a sandonatodininea Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.