Dopo il maltempo anche San Donato conta i danni

La redazione & Diritto di Cronaca …

SAN DONATO DI NINEA – (Comunicato stampa) Le elevate precipitazioni e le forti raffiche di vento che, per alcuni giorni, si sono abbattute sul territorio di San Donato di Ninea hanno provocato notevoli danni e pericoli. Da una prima e sommaria valutazione, si parla di danni per quasi un milione di euro. La preoccupazione più seria si è avuta due giorni fa per l’ostruzione del canale di raccolta del vallone Sellaro nel centro abitato del paese, dove i volumi d’acqua sgrondavano su un costone già interessato da una preoccupante frana. Immediato e risolutivo l’intervento di una squadra di operai, diretta dagli assessori Benedetto Vuono e Franco Iannitelli, che ha consentito il ripristino del canale di raccolta del vallone Sellaro. Tra le tante problematicità che si sono registrate nel paese, si deve annotare anche la caduta di un pesante albero in località Giardino che ha provocato seri danni a proprietà private e all’illuminazione pubblica. Un evento che fortunatamente non ha coinvolto nessuna persona. Un altro albero è caduto sul “Centro Visita del Parco Nazionale del Pollino”. Seri danni si sono registrati anche per alcuni fabbricati privati e comunali situati in località Cutura, oltre alla sede Municipale, alla Chiesa dell’Assunta di località Motta e alla Chiesa di San Francesco di Contrada Licastro. Inoltre, le forti piogge hanno interrotto la viabilità regionale di collegamento con l’acquedotto denominato “Abate Marco”, situato in località “Monache”. Questa strada è stata interessata dallo sversamento di torrenti e corsi d’acqua che hanno depositato detriti e fango, oltre la caduta di alberi sulla sede stradale a causa del forte vento che si è abbattuto sulla zona. Se per l’acquedotto “Abate Marco” la situazione appare comunque sotto controllo, così non è per la copiosa fuoriuscita di acqua dalle opere di presa e dai serbatoi degli acquedotti comunali “Acquascusa” e “Croccano”. Purtroppo, per le forti piogge, è stata interrotta anche la viabilità di collegamento con la località Piano di Lanzo, ancora oggi interessata da numerose frane. Per la medesima causa, sono state vietate al traffico anche la viabilità comunale di collegamento con il vicino comune di Acquaformosa, dove è addirittura crollato un ponte, e la strada che collega la Contrada Vallo Marino. Purtroppo, risulta compromessa tutta la viabilità montana, comprese le piste tagliafuoco, le strade forestali e le strade agrarie che hanno portato all’isolamento di ricoveri di bestiame. Mentre sono ancora in corso degli accertamenti sul territorio da parte di Amministratori e volontari, si è proceduto con interventi mirati eseguiti compatibilmente con quanto consentito dalle condizioni atmosferiche in atto. Importante, infine, il controllo avviato senza indugio dal Sindaco Francesco De Rose e dai suoi più stretti collaboratori sui pericoli imminenti per la pubblica incolumità e per gli eventuali rischi diretti alle persone. Con il miglioramento delle condizioni atmosferiche è stato possibile mettere in sicurezza l’illuminazione pubblica danneggiata. Da oggi, con le condizioni atmosferiche fortunatamente migliorate, l’Amministrazione Comunale si impegnerà con tutti i mezzi a sua disposizione per riportare ad uno stato di sicurezza tutti i luoghi e i beni interessati dal maltempo di questi giorni.

Permalink link a questo articolo: https://www.sandonatodininea-cs.it/2012/04/21/dopo-il-maltempo-anche-san-donato-conta-i-danni/

40 commenti

Vai al modulo dei commenti

  1. …e ci manca va anche questo…buon coraggio a tutta la popolazione Sandonatese!!

    • cortese gregorio il 21 Aprile 2012 alle 15 h 06 min
    • Rispondi

    Non ho letto delle tegole e grondaie volate dal palazzo Monaco, dal 2005 che giocano con la vita delle persone. Hanno pensato bene di prendere per il………..la gente mettendo una rete di plastica rossa, a che scopo? Per proteggere cosa? Buon tutto

    • Gianfranco Artuso il 21 Aprile 2012 alle 16 h 59 min
    • Rispondi

    Purtroppo in presenza di questi eventi è difficile trovarsi preparati, l’importante è che non ci siano stati gravi e seri danni a persone e/o abitazioni. Comunque lasciatemi esprimere un pensiero, anche se non si possono evitare certe situazioni, si potrebbero diminuire gli effetti con la dovuta manutenzione dei canali di scolo, dei corsi d’acqua ecc. ecc.
    Saluti Gianfranco Artuso.

    • Giovanni Benincasa il 21 Aprile 2012 alle 17 h 36 min
    • Rispondi

    Apprendo questa triste notizia e ne sono sinceramente costernato. Solo pochi giorni fa (Pasquetta) ho avuto il privilegio di godere dell’aria salubre che ancora si riesce a respirare da quelle parti scorrazzando proprio per un castagneto di contrada Monache. Intanto esprimo la mia solidarietà nei confronti di tutta la popolazione e di tutta l’amministrazione comunale Sindaco De Rose in primis e poi auspico che le polemiche vengano messe da parte e tutti si stringano attorno all’amministrazione per portare immediatamente alla normalizzazione della situazione. Se c’è motivo successivamente ci sarà tempo per contestazioni, ora no, viene prima il paese e quindi l’interesse della collettività. Inoltre voglio esprime la speranza che, non ostante i tempi che corrono, sia la provincia, che la Regione e se necessario le autorità centrali non lesionino gli aiuti necessari.
    IN BOCCA AL LUPO A TUTTA LA COMUNITÀ RESIDENTE E ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE. Giovanni

    • cortese gregorio il 22 Aprile 2012 alle 14 h 57 min
    • Rispondi

    Bomm ecco fatto, Giovanni ha risolto tutto abbracci e baci come sempre, ma come fai a negare sempre l’evidenza e girarle sempre a modo tuo? buon tutto

    • Gianfranco Artuso il 22 Aprile 2012 alle 17 h 25 min
    • Rispondi

    No Comment.
    ?????????????????????????

    • Giovanni Benincasa il 22 Aprile 2012 alle 21 h 14 min
    • Rispondi

    Non volevo rispondere al commento di Gregorio, ma tant’è siamo in ballo e balliamo, anche se non è proprio il momento. Gregorio non ho negato proprio nulla e l’evidenza dei fatti è che tra una cosa e l’altra il paese va a rotoli. Se fossi stato un residente certo non avrei lesinato il mio impegno, come sono sicuro che volenti o nolenti in questo caso farete, anche se all’amministrazione ci fosse stato il mio più acerrimo nemico. Onestamente il tuo commento è solo un dispiacere in più. Se dire che in questo caso la cittadinanza deve essere unità è stato come dire una fesseria ebbene sì ho sparato una fesseria, come tu dici ho fatto bomm.

    • cortese gregorio il 23 Aprile 2012 alle 6 h 35 min
    • Rispondi

    GRANDE GIANFRANCO……………………………….
    Giovanni non sei obbligato a rispondere, almeno non dire le solite cose………….cosa? Cosa? se ci fosse stato un acerrimo nemico? Ma per favore,,,non fgai altro che negare le evidenze chi sa perchè commenti sempre a senso unico ma è giusto cosi tutti siamo liberi di commentare e scrivere quello che ci pare…………..come hai detto su non rispondere al commento , se il mio commento per te è un dispiacere in più, sai cosa ti rispondo, NON MI CAMBIA LA VITA io dico e dimostro sempre la verità al contrario di molti altri fra questi ci sei anche tu……se sbaglio dimostrami il contrario, dove è quando avresti dimostrato la verità………..perchè è questa (LA VERITA,) che vi fa male ….non sei stato tu che hai commentato sotto quella specie di articolo di giornale sulla (PRESUNTA) discarica?,,, come mai non hai detto nulla quando ho scritto che un assessore ha fatto la stessa cosa ed è stato denunciato?……..commentate a convenienza..buon tutto

    • Gianfranco Artuso il 23 Aprile 2012 alle 10 h 15 min
    • Rispondi

    Vogliamo parlare anche della strada-variante che fiancheggia il vallone Sellaro, nei pressi del Girone è presente una frana che prima o poi …..si trascinerà tutto a valle!
    Fin quando uno vuole transitarci, a suo esclusivo rischio e pericolo mi starebbe pure bene, il problema è quando lo scuolabus con i nostri bambini va ha fare inversione proprio in quel punto…………quando non ce ne sia assolutamente bisogno!
    Fatto più volte presente,….. ma sempre orecchi di mercante!!!
    P.S.: Gli esperti consigliano sempre che camminare fa bene…….non a tutti però!!!

    • Na cantamu e na sunamu... il 23 Aprile 2012 alle 12 h 03 min
    • Rispondi

    Se posso esprimere il mio umile pensiero se non dispiace all’amico gregorio:

    1) caro gregorio i tuoi interventi di recente ritornati alla ribalta riguardano soltanto parcheggi,macchine parcheggiate fuori dalle strisce e credi che queste servano a migliorare qualche cosa? sono commenti e segnalazioni inutili che lasciano il tempo che trovano;

    2) palazzo monaco? Se non erro sono intervenuti i vigili del fuoco sul luogo dando tutte le necessarie prescrizioni all’allora responsibile dell’ufficio tecnico Iania e quindi le precauzioni prese e le relative distanze di sicurezza sono state adottate in base al parere dei vigili del fuoco e del responsabile dell ufficio tecnico quindi stai parlando del nulla.

    3) sui commenti di giovanni anche se non necessita di certo della mia difesa considerando anche la dialettica,il garbo, e l’intelligenza che possiede consiglierei di non dare adito a commenti pretestuosi e di continuare a spendere belle parole piene di speranze e affetto verso la sua comunità,san donato ha bisogno di positività ed oggettività.

    4)Per quanto riguarda l’amico gianfranco mi lasci davvero senza parole. certe opere di manutenzione non sono a carico del comune che può sollecitare o richiedere ciò ma anche se l ha fatto come saprete il sud è pur sempre il sud. Per la variante caro amico ti dico come tu saprai sono anni che cè il problema le varie amministrazioni passate avranno speso qualcosa come 1 milione di euro o forse di più per mitigare il rischio ma come tu ben saprai interventi utili a risolvere il problema momentaneamente o addirittura aggravare il problema aggiungendo peso al corpo franoso.
    Per l autobus ti dico che al momento per quanto ne sappia non esiste nulla che vieti la circolazione in quel tratto di strada se siete davvero cosi preoccupati sollecitate enti e giornali e vedrete che otterrete qualcosa.

    Dell’articolo l’unica cosa che mi è dispiaciuta oltre ai vari danni ecc è stato il sottolineare il nome di due assessori che hanno guidato la spedizione ecc. siamo nel 2012 codeste pseudo pubblicità per accaparrare voti o consensi non servono la gente vi giudica quotidianamente. siate più umili come alcuni vostri colleghi amministratori che spesso si sono rimboccati le maniche e manualmente come degli operai hanno dato il loro contributo ma senza farsi pubblicità o articolo personalizzati. Se posso dare un consiglio cari assessori anche se dall’alto della vostra onnipotenza ormai vi credete chissà cosa e quindi non mi ascolterete mettete i piedi per terra e seguite l’esempio di qualche amministratore giovane che nonostante l’inesperienza,la giovanissima età è sempre umile,disponibile con tutti,gentile,la gente sà e vede certe cose e sono sicuro premierà gente come lui che è sempre coerente e no diventa disponibile umile e gentile solo sotto campagna elettorale.

    Caro giovanni per concludere con te posso citarti un piccolo aforisma di Fridrich Nietzsche:
    LE CONVINZIONI, PIU’DELLE BUGIE, SONO NEMICHE PERICOLOSE DELLA VERITA’. Son sicuro che avrai capito il messaggio che si cela dietro questa frase.

    • cortese gregorio il 23 Aprile 2012 alle 14 h 26 min
    • Rispondi

    come scritto in altre pagine non spreco tempo con gli invisibili ed il nulla.buon tutto

    • Gianfranco Artuso il 23 Aprile 2012 alle 14 h 43 min
    • Rispondi

    Sig. Canta e Sona………non hai capito niente di ciò che ho scritto.
    Lo sò perfettamente come funzione la burocrazia, non solo al sud ma in tutta Italia, ho solo espresso il mio disappunto al fatto che lo scuolabus si vada a girare in quel tratto di strada, magari per non fare 20 metri di strada a piedi.

    • Minucciu il 23 Aprile 2012 alle 19 h 07 min
    • Rispondi

    Sono lontano dal paese da più di 40 anni ma solo fisicamente perchè delle vicende sandonatesi sono stato sempre al corrente. Spiace constatare che dopo due, DICO DUE, generazioni dopo la mia, la mentalità è restata sempre quella dell’incazzato sociale (fuori tempo, moda ed anche luogo) e del “mi oppongo” sempre comunque e dovunque.Robetta del secolo scorso,legata a realtà e mentalità litigiose per partito preso capaci di andare a controllare come il “nemico” si pulisce il culo ma non se è capace ed idoneo al compito che si dato e scelto. Si spaccia aria fritta e rifritta nel medesimo olio scaduto da anni. Non sarebbe ora di adeguarsi e cambiare registro? Anche per evitare di scoglionare chi ha la sfortuna di leggere taluni interventi, come detto da qualcuno di voi,pubblicati su “certo giornale” che per coerenza si vorrebbe non leggere affatto nè pubblicarvi “INTERVENTI AD MINGHIAM”. Senza offesa per nessuno,perchè questa è la democrazia, situazione ove ognuno può liberamente sparare le cazzate che ritiene più opportune.Basta esserne coscienti.

    • Gianfranco Artuso il 23 Aprile 2012 alle 19 h 51 min
    • Rispondi

    Sig. Minucciu mi scusi, ha problemi nel leggere i miei commenti e/o interventi ad……..(come li definisce Lei)?

      • Minucciu il 26 Aprile 2012 alle 19 h 34 min
      • Rispondi

      Sig Artuso, mai avuto problemi di nessun genere, quelli della mia generazione non potevano permettersi questo lusso. Se può e vuole mi dica in base a quali elementi ha ritenuto di essere al centro ovvero il bersaglio del mio commento.Se proprio vuole.

    • Giovanni Benincasa il 23 Aprile 2012 alle 20 h 38 min
    • Rispondi

    Un ringraziamento a “na cantamu e na sunamu” per la parentesi che mi ha dedicato e lo posso rassicurare che il mio filo conduttore, per San Donato, è e rimarrà sempre la positività. Anch’io ne sono fuori dal 1965, ero poco più che adolescente quando sono andato via, eppure quei luoghi da me vissuti così poco mi restano ancora particolarmente cari tanto da non riuscire a sopportare determinate menate, immensamente lontane dal mio modo di concepire le modalità di relazionarsi con i propri simili.
    Per quanto concerne l’aforisma il messaggio è semplice e vorrei fosse compreso anche da chi dice di avere a cuore il futuro di San Donato, darebbe il dono della verità anche al suo operato.
    Cordialità a tutti! Giovanni

    • cortese gregorio il 24 Aprile 2012 alle 6 h 20 min
    • Rispondi

    Gianfranco non perdere tempo con gli invisibili perchè solo ed esclusivamente in questo modo hanno voce, peccato che gli è consentito BUON TUTTO

    • cortese gregorio il 24 Aprile 2012 alle 7 h 05 min
    • Rispondi

    Caro Gianfranco la vita è bella perchè è varia, ci sono i filosofi, i pacifisti, i cupido al contrario ecc. ecc. tutti hanno diritto di vagare, io sono e rimango un povero pescatore BUON TUTTO

    • Gianfranco Artuso il 24 Aprile 2012 alle 7 h 55 min
    • Rispondi

    Aggiungerei anche i “Quaquaracqua”……….senza spina dorsale!!!
    Effettivamente non si può dialogare-discutere-dibattere con qualcuno che non ha nè arte nè parte……(in senso metaforico). Come puoi confrontarti con chi non esiste, non avrebbe senso…e visto che mi ritengo molto sensato da questo momento in poi il sottoscritto “ARTUSO Giovanni” (Gianfranco per gli amici), non risponderà più a nessuna personalità illustrissima che non sia identificata da nome e cognome.
    Buona giornata, che possiate essere felici anche nel Vostro piccolo….!

    • cortese gregorio il 24 Aprile 2012 alle 13 h 26 min
    • Rispondi

    Gianfranco, i fantasmi non li vede nessuno, non fanno testo io li evito da tanto, vado fiero ed orgogliose del mio nome e cognome,come detto in altre pagine rispondo a tutti amici e non, se hanno la faccia (alta)comunque sia in farmacia vendono caramelle Valda………..buon tutto a te Gianfranco W l’Italia

    • Na cantamu e na sunamu... il 24 Aprile 2012 alle 15 h 12 min
    • Rispondi

    Winston Churchill disse una volta: FANATICO E’ COLUI CHE NON PUò CAMBIARE IDEA E NON INTENDE CAMBIARE ARGOMENTO…………

    • cortese gregorio il 24 Aprile 2012 alle 17 h 18 min
    • Rispondi

    Gianfrancoooooooooooooooo hai bisogno di qualcosa? No non credo sai giudicare, ragionare, parlare da solo vero? Ai ai ai, mi raccomando non fare copia ed incolla. Eppure è bello sapere che almeno diamo da fare qualcosa BUON TUTTO sempre a te Gianfranco, intanto io vado a pescare e me la GONGOLO

    • Gianfranco Artuso il 24 Aprile 2012 alle 20 h 32 min
    • Rispondi

    Buona pesca Gregorio……………!!!

    • cortese gregorio il 25 Aprile 2012 alle 5 h 23 min
    • Rispondi

    Grazie Gianfranco, io non ho fretta, ho tutto il tempo di questo mondo W il 13 agosto 2001, molti non avranno una data felice da ricordare ed io farò in modo di renderla difficile……………
    Una sana libertà personale comporta l’apprendimento di un nuovo modo di pensare . Cambiàti i pensieri, nuovi stati d’animo cominceranno a emergere, e si sarà mosso il primo passo che porta alla libertà personale. BUON TUTTO…W l’italia

    • Na cantamu e na sunamu il 27 Aprile 2012 alle 9 h 23 min
    • Rispondi

    OSCAR WILD: Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno……..

    PROVERBIO ITALIANO: Sa chi sa che nulla sa,e chi sa che nulla sa ne sa più di chi ne sa.

    NICCOLO’ TOMMASEO: la superbia è il più frequentemente punito e il più difficilmente sanabile di tutti i vizi..

    JOHANN WOLFGANG VON GOETHE: nulla è più terribile dell’ignoranza attiva…

    WILLIAM PENN: lasciate che la genta creda di governare e sarà governata.

    PROVERBIO SPAGNOLO: l’intelligenza forse è l’unica ricchezza ad essere distribuita equamente,infatti nessuno si lamenta di averne meno degli altri.

    ANTON CECHOV: una volta nel gregge è inutile che abbai scodinzola..

    L’INGIUSTIZIA SI PUO’ ANCHE SOPPORTARE,E L’ESSERE COLPITI DALLA GIUSTIZIA CHE BRUCIA.

      • sandra il 27 Aprile 2012 alle 13 h 23 min
      • Rispondi

      con tutti questi proberbie que sa potrebe usarli per fare migliorare la situazione dil paese.

      • Gianfranco Artuso il 27 Aprile 2012 alle 18 h 48 min
      • Rispondi

      Maaaa un po di farina del tuo sacco?……nooooooo!!!!

        • sandra il 3 Maggio 2012 alle 9 h 10 min
        • Rispondi

        SONO LA MOGLIE DI LUIGI I MISCIUNI…

          • Gianfranco Artuso il 3 Maggio 2012 alle 17 h 59 min
          • Rispondi

          Lo so chi sei Sandra, io mi riferivo all’Illustrissimo “Na cantamu e na sunamu”…..saluti a Luigi e al bimbo.

    • sandra il 27 Aprile 2012 alle 11 h 15 min
    • Rispondi

    buon giorno de le isole canarie
    sono stata 2 anni a san donato e mi sono sposata con un sandonatese me dispiace tanto que le cose non sono cambiati ancora e pure me dispiace vedere come i citadini non se uniscono per portare avanti il paese e dedicano il tempo a lamentarsi de quello que fano gli altri.Quiedo scusa per come scribo il italiano spero me capite.

    • cortese gregorio il 27 Aprile 2012 alle 19 h 53 min
    • Rispondi

    W l’Italia, Garibaldi – Mazzini- Della Chiesa- Falcone e Borsellino…………………..W San Donato………..poverinooooooooooooooooooooo…………………………………………………………………
    Mi diceva mio nonno LA PRESUNZIONE COMPENSA L’ASSENZA DELL’INTELLIGENZA

    • cortese gregorio il 27 Aprile 2012 alle 19 h 59 min
    • Rispondi

    Caro Gianfranco, cosa puoi aspettarti, ma lasciali fare qualcosa, l’unico sfogo è questo e come ho detto purtroppo gli viene consentito e facciamoli giocare, hanno solo questo, gente che non riesce a confrontarsi a discutere……e’ dietro molto dietro……………lascia fare………ignora, GONGOLO sempre comunque ed ovunque BUON TUTTO

    • cortese gregorio il 27 Aprile 2012 alle 20 h 00 min
    • Rispondi

    Ciao Sandra vorrei dirti benvenuta, purtroppo hai capito al volo la situazione un saluto a tutti voi alle Tenerife

    • Gianfranco Artuso il 28 Aprile 2012 alle 4 h 40 min
    • Rispondi

    Santu Dunatu ajutacci Tu…………..picchì sulu nu miraculu ci servi!!!

    • cortese gregorio il 28 Aprile 2012 alle 5 h 09 min
    • Rispondi

    a scrivere tanti LAUREATI a parole devono iniziar l’ASILO alcuni. Viva Caterina Caselli, ma quale miracolo e miracolo, per alcune persone non esiste miracolo, basta osservare come si presentano,,,,,,,,,rodi, rodi, non l’antica città. Poveri illusi ciaooooooooooooo BUON TUTTO

    • Catrino il 28 Aprile 2012 alle 14 h 06 min
    • Rispondi

    U Diariu i Catrino…

    Nu distinu bruttu a su paisi mia! Arrassusia,Arrassusia,ghè animatu sulu do ciucciu mia!
    Cumu ddri lama dì ca sumu stanchi ca ogni 5 anni pianu pi fissa a tutti quanti?
    Caru Diariu…
    Tu non tasa offendi si agenti bona si nnè ghiuta fora,quà caminava sulu muru muru!L’ha fattu sulu pi non senti chiù sadduru i pisciaturu.

    Caru Diariu…
    Ghia ti scrivu sulu aru bisuagnu,pi ti informà ca ssu paisi è sulu na vrigogna, non tarraggià si ti dicu a virità e sulu quissu u modu i ti parlà.

    Caru Diariu…
    Ghia ti vulera scrivi tanti cosi belli, purtroppu cancillati dai ribelli!

    Caru Diariu…
    Ieri mentri ghera ara siddrata sintiaiu parlà genti laureata, chi cultura Caru Diariu! Mi sugnu veramenti estasiatu, pi no dì napicchi vrigugnatu, Quissi minanu cavuci a destra a manca cu quira ciutia solita chi non ddri manca,poviru paisi mia abbannunatu, quissu ghedi u risultatu do personaggiu laureatu.

    Caru Diariu…
    Si quissu ghèdi u futuru chi maspetta, a valigia ghe pronta e minni vaiu in fretta, a crisi ghe tanta, u bisuagnu puru lassu stu paisi pi no stà sulu.

    Catrino

    • cortese gregorio il 1 Maggio 2012 alle 15 h 31 min
    • Rispondi

    Il rifiuto assurdo della verità è naturale nell’uomo.
    L’uomo non vuole essere ma apparire. Non vuole vedere ciò che è, cerca solo di prendersi per il personaggio che gli altri vedono in lui. Continuate a fare gli struzzi ed il gioco delle tre scimmiette BUON TUTTO

    • Giovanni Benincasa il 1 Maggio 2012 alle 17 h 30 min
    • Rispondi

    Signora Sandra si è espressa benissimo e ha centrato l’obiettivo. Giovanni

    • Na cantamu e na sunamu il 4 Maggio 2012 alle 14 h 35 min
    • Rispondi

    Ora sei diventato Pirandello? Essere e Apparire, bene, vedo con piacere che sei entrato nell’ottica Pirandellania.
    Abbandona la maschera Pirandellania e fa qualcosa di concreto per la tua comunità..proponi non evidenziare l’ovvio e il superfluo e non pensare alle maschere degli altri.

    Se conosci Pirandello sicuramente conoscerai uno nessuno e centomila.

    Il protagonista di questa vicenda, Vitangelo Moscarda, inizia ad avere una crisi di identità, a rendersi conto che le persone intorno a lui hanno un’immagine della sua persona completamente diversa dalla sua.
    Il protagonista arriverà alla follia in un ospizio, dove però si sentirà libero da ogni regola, in quanto le sue sensazioni lo porteranno a vedere il mondo con altri occhi.

    • cortese gregorio il 5 Maggio 2012 alle 14 h 26 min
    • Rispondi

    sempre e costantemente il nulla e l’invisibile W l’Italia

Rispondi a Catrino Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.